Codacons su Tlc Vodafone viola stop rincari tariffe

RINCARI PER FISSO E MOBILE FINO AL +10%. CODACONS ANNUNCIA BATTAGLIA: NUOVO ESPOSTO AD ANTITRUST, AGCOM E PROCURA, SANZIONARE AZIENDA E BLOCCARE RINCARI

Vodafone rompe il fronte e annuncia pesanti aumenti delle tariffe praticate agli utenti, sia per la telefonia fissa che per il mobile. Dal prossimo 27 maggio, infatti, l’azienda applicherà rincari tariffari che arriveranno a 1,49 euro in più al mese per i telefonini e coinvolgeranno successivamente anche la telefonia fissa, con aumenti pari a +3 euro a mese – denuncia il Codacons – Una stangata che raggiunge il 10% a danno degli utenti, e che sembra realizzare oltre al danno la beffa.

L’Antitrust infatti nelle settimane scorse, accogliendo il ricorso presentato dal Codacons, aveva bloccato i rincari annunciati dalle compagnie telefoniche, riconoscendo la possibile esistenza di un cartello anticoncorrenza segnalato dall’associazione. I nuovi aumenti annunciati da Vodafone a partire da maggio, quindi, sembrano voler aggirare lo stop imposto dall’Autorità e recuperare i minori introiti finora garantiti dalle fatturazioni a 28 giorni dichiarate fuorilegge dall’Agcom.

“Non accetteremo alcun rincaro delle tariffe a danno degli utenti e dichiariamo guerra a Vodafone a tutela dei consumatori italiani – afferma il presidente Carlo Rienzi – Il Codacons sta preparando infatti un nuovo esposto ad Agcom e Antitrust in cui si chiede di aprire un procedimento sugli aumenti annunciati dalla compagnia telefonica e di bloccare qualsiasi rincaro che violi i diritti dei consumatori e le disposizioni dell’Antitrust, sanzionando pesantemente l’azienda. Esposto che sarà presentato anche alla Procura di Roma affinché accerti l’eventuale sussistenza di fattispecie penalmente rilevanti” – conclude Rienzi.



Informativa sui Cookie

Informativa ai sensi dell’art. 13 D.LGS. 30 giugno 2003 n.196

NotizieInUnClick.it utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di navigazione.
Per leggere di più su i cookie utilizzati interni e di terze parti visita la pagina dedicata.
Per continuare a navigare questo sito acconsenti all'uso dei cookie.